Titoli: classificazione e varietà

7 minuti di lettura
Titoli: classificazione e varietà
Immagine: Kenneth W Mellott | Dreamstime
Condividere

Tutte le transazioni effettuate nel mercato finanziario sono effettuate con l’utilizzo di titoli.

Nel nostro articolo parleremo di cosa sono i titoli, cosa li distingue dalle alternative, quali tipi di titoli sono e come generano reddito.

Attributi di un titolo

I titoli sono una sorta di documenti ufficiali redatti secondo standard stabiliti. Il suo design consente di assegnare a una persona specifica il diritto di possedere una determinata somma di denaro o altri valori di proprietà.
Le obbligazioni sono uno strumento di investimento affidabile
Le obbligazioni sono uno strumento di investimento affidabile
12 minuti di lettura

Sono considerati titoli anche i diritti di utilizzo delle risorse con una forma materiale individuale. Ad esempio, registrazioni su conti precedentemente emessi, certificati cartacei e così via possono fungere da garanzie. Secondo i requisiti stabiliti, i titoli devono rispettare una serie di parametri.

Caratteristiche principali dei titoli

  1. Possibilità di circolazione civile. I titoli devono avere lo status di acquistabili, così come devono essere oggetto di altri rapporti civili. Includono qualsiasi tipo di transazione effettuata, inclusi prestiti, regali, risparmi e così via.
  2. Trattabilità sul mercato azionario. L’acquisto, la vendita o lo scambio viene effettuato sul mercato azionario principale. Tutte le tipologie di titoli sono inoltre destinate ad essere utilizzate come unico strumento di pagamento autonomo, che facilita la circolazione di altre tipologie di beni. Il criterio in esame chiarisce che i titoli possono agire solo come un prodotto unico, che può essere utilizzato solo da un mercato specializzato con uno schema unico per la creazione di relazioni e regole per ciascun partecipante.
  3. Serialità. Tutti i tipi di titoli sono emessi non in copie singole, ma in classi o serie.
  4. Standardizzazione. Ciò significa che i titoli includono contenuti standardizzati, che specificano i termini, il luogo di negoziazione, i diritti, le regole, le transazioni. Anche la forma del documento stesso è standardizzata.
  5. Documentazione. Posto che un titolo funge da documento, la sua composizione deve rispettare pienamente i requisiti normativi di legge. Le parti dovranno indicare integralmente i propri dati. Se almeno un elemento non viene soddisfatto, tali titoli saranno considerati non validi.
  6. Regolamento governativo. Il Paese nel cui territorio vengono effettuate transazioni in titoli è obbligato a riconoscerle, garantire livelli ottimali di regolamentazione e un livello di fiducia in generale.
  7. Rischio. L’investimento in qualsiasi tipo di titolo comporta sempre alcuni rischi.
  8. Liquidità. Se necessario, l’acquisto completato può essere realizzato rapidamente, ottenendo profitti finanziari in forma non in contanti o in contanti e le perdite per i titolari sono insignificanti.
  9. Esecuzione obbligatoria. Se i titoli indicano la necessità di adempiere a determinati obblighi, non è possibile rifiutare di eseguire le azioni prescritte. In via eccezionale, possiamo includere i casi in cui i titoli sono stati trasferiti ai detentori in un modo non previsto dalla legge o dai regolamenti.

Scopo dei titoli

I principali tipi di titoli sono direttamente correlati alla necessità di effettuare un pagamento in denaro reale per aumentare il volume del capitale proprio.

Securities
Immagine: Kenneth W Mellott | Dreamstime

Nel caso di strumenti derivati ​​non vi è alcun collegamento diretto con l’aumento di capitale sociale. Il compito principale, di regola, è arricchire i proprietari.

Classificazione

Molti non comprendono appieno cosa siano i titoli. Ad oggi, esiste un gran numero delle loro categorie e differiscono in molti modi.

  1. A seconda del contenuto dei rapporti finanziari. In questo caso i titoli si dividono in azionari (azioni) che possono esprimere rapporti patrimoniali, e di debito (obbligazioni). In questo caso si instaura un rapporto di mutuo.
  2. A seconda della forma di esistenza. Esistono tipi di titoli cartacei e non documentari. La particolarità di questi ultimi è che vengono presentati come scritture contabili.
  3. A seconda degli emittenti. I titoli includono governi, entità russe o entità aziendali. La categoria presentata è di interesse in gran parte a causa dei rischi associati ai titoli emessi da vari emittenti.
  4. A seconda del metodo di formazione. In questo caso si distinguono le seguenti tipologie di titoli: derivati ​​e primari. La prima categoria comprende opzioni, future e warrant, la seconda – obbligazioni, azioni e cambiali.
  5. In base al rapporto con titolari specifici. Una scelta di titoli nominativi e documenti al portatore. Tenuto conto del fatto che le tipologie nominali di titoli sono caratterizzate dalla difficoltà di ottenimento e da un maggiore controllo da parte dell’emittente, la loro liquidità è di livello molto mediocre. Di conseguenza, il livello di interesse tra gli investitori è minimo.
  6. A seconda del periodo di circolazione. Questa categoria è suddivisa nelle seguenti tipologie di titoli: a lungo termine ea breve termine. La liquidità dipende in gran parte dal periodo di circolazione. I tipi a breve termine sono caratterizzati dalla presenza di rischi di investimento minimi e, di conseguenza, il rendimento è in definitiva ridotto. Nel caso della seconda categoria di titoli, la situazione è completamente diversa: aumento del reddito, ma anche il rischio di perdere denaro è elevato.

Varietà popolari

Molto spesso, le parti interessate effettuano transazioni con i seguenti tipi di titoli:

  • Titoli di stato. Emessi dal governo. Nella maggior parte dei casi vengono emessi per un anno, quindi il proprietario li rivende allo stato, ma già tenendo conto degli interessi;
  • Obbligazioni. Emesse da organizzazioni. Il principio è simile al primo tipo, solo la differenza tra loro è che in questo caso il rilascio viene effettuato da un’organizzazione privata e non dallo stato;
  • Pagherò cambiario. Qualsiasi persona può redigere un cambiale. È un’obbligazione di debito, il cui possesso obbliga a riscuotere debiti. La cambiale può essere trasferita ad altri soggetti attraverso la procedura ordinaria – vidimazione;
  • Assegni. Emessi da organizzazioni. Questa sicurezza ti consente di trasferire o prelevare la somma di denaro specificata in essa. Gli assegni sono molto popolari in America grazie in gran parte ai datori di lavoro;
  • Buoni di risparmio e di deposito. Sia la prima che la seconda varietà sono emesse dalla banca. Un certificato di risparmio viene rilasciato a un individuo che ha deciso di effettuare un deposito. Il deposito, rispettivamente, è destinato alle persone giuridiche. Qui il periodo massimo di investimento è di tre anni, mentre i certificati di deposito sono attivi tutto l’anno;
  • Azioni. Emesse da organizzazioni. Le azioni sono oggi il tipo di titoli più popolare. Se un’azione è emessa da una società per azioni aperta, può essere liberamente negoziata in borsa. I titolari, di norma, hanno l’opportunità di votare alla riunione del Consiglio di amministrazione, oltre a ricevere dividendi. Esiste un tipo di azioni preferenziali che ti consente di ricevere una percentuale maggiore di dividendi, ma non c’è possibilità di voto.
Reddito passivo – e la vita è bella
Reddito passivo – e la vita è bella
7 minuti di lettura

Esistono altri tipi di titoli come libretti di risparmio/banca, polizze di carico e titoli di privatizzazione, ma questi non sono molto popolari ora.

Come guadagnare con i titoli

Prima di effettuare un acquisto di titoli, molte parti interessate pongono la seguente domanda: cosa fare del loro acquisto in futuro? Recentemente, i mercati specializzati in cui vengono venduti i documenti emessi sono diventati sempre più popolari.

Securities
Immagine: Pop Nukoonrat | Dreamstime

A seconda degli indicatori di performance, dell’adozione di determinate decisioni, il valore dei titoli sale o scende. Grazie a questo comportamento diventa possibile ricevere una buona ricompensa economica.

Investire in oro è un metodo classico per aumentare il capitale
Investire in oro è un metodo classico per aumentare il capitale
14 minuti di lettura

Tutto ciò che serve è avere un capitale iniziale e almeno una piccola comprensione delle peculiarità dell’attuale situazione di mercato. Sebbene quest’ultimo requisito sia molto controverso.

Fatti interessanti sui titoli

  • Sapendo cosa sono i titoli, quali tipi di essi funzionano sul mercato interno, puoi ottenere un buon reddito. La pratica dimostra che le azioni emesse da società grandi o ben note sono caratterizzate da una maggiore liquidità. Naturalmente nessuno garantisce l’assoluta assenza di un ribasso del prezzo delle azioni, ma raramente si tratta di indicatori catastrofici.
  • Non è necessario disporre di una grossa somma finanziaria per iniziare a fare trading. In pratica, si è formato un mito persistente secondo cui è necessario disporre di un deposito decente per fare trading. In realtà non lo è. Grazie allo sviluppo attivo delle società di brokeraggio, dove è possibile effettuare transazioni con vari tipi di titoli, l’importo minimo del deposito si riduce a soli 5-10 dollari. Anche se, per ottenere un buon reddito, dovresti “entrare” nel mercato con un importo di circa $ 500.
  • Se non vuoi studiare da solo tutte le caratteristiche del trading o non hai abbastanza tempo, puoi usare l’aiuto dei trader finanziari. Queste sono persone che accettano investimenti da altri partecipanti per generare reddito. Un commerciante non può appropriarsi dei fondi per se stesso, ha il diritto solo di effettuare transazioni con il loro aiuto. Verrà addebitata una certa commissione per le negoziazioni vincenti, la cui percentuale è impostata individualmente.
Voto articolo
0,0
0 valutazioni
Valuta questo articolo
Editorial team
Per favore scrivi la tua opinione su questo argomento:
avatar
  Notifiche sui commenti  
Notifica di
Contenuto Vota Commenti
Condividere