OpenAI è la leggendaria azienda che ha creato ChatGPT

OpenAI è la leggendaria azienda che ha creato ChatGPT
Immagine: xataka.com
Condividere

Nel mondo in continua evoluzione dell’intelligenza artificiale, un’organizzazione si è costantemente distinta come faro per lo sviluppo etico dell’IA: OpenAI. Oggi approfondiremo il suo retroscena rispondendo alle domande più frequenti sull’azienda.

OpenAI, co-fondato da sostenitori del settore nel 2015, doveva essere un faro per lo sviluppo etico dell’IA.

Da quando è diventata un’organizzazione commerciale nel 2019, OpenAI ha stretto un’alleanza strategica con Microsoft, rafforzando i suoi sforzi di ricerca e sensibilizzazione. Mantenendo il suo status privato, OpenAI evita le pressioni tipiche che devono affrontare le aziende pubbliche, garantendo che la sua missione possa essere portata avanti senza ostacoli.

Con una dicotomia operativa unica, OpenAI bilancia perfettamente la sua missione principale e le aspirazioni commerciali.

Chi è stato il fondatore di OpenAI?

Le fondamenta di OpenAI si basano su una costellazione di luminari della Silicon Valley. Con sede nel polo tecnologico di San Francisco, questo laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale ha sempre avuto grandi obiettivi ed è guidato da un gruppo di visionari tecnici con la passione per l’intelligenza artificiale (AI):

  • Elon Musk. Sebbene sia meglio conosciuto per le sue iniziative SpaceX e Tesla, il coinvolgimento di Musk in OpenAI è stato principalmente finanziario. Da allora ha lasciato il consiglio di amministrazione, ma rimane una figura influente nel discorso sull’intelligenza artificiale;
  • Greg Brockman. Precedentemente CTO di Stripe, Brockman è ora Presidente e CTO di OpenAI, garantendo che il processo tecnico garantisca che l’organizzazione rimanga in prima linea nella ricerca sull’intelligenza artificiale;
  • Ilya Sutskever. Esperto leader di machine learning (ML), il viaggio di Sutskever include una carriera di successo presso Google e ora come capo scienziato presso OpenAI.
  • Giovanni Shulman. Prima di OpenAI, Shulman era principalmente un accademico. È stato un attore chiave in alcuni dei principali progetti di OpenAI, tra cui ChatGPT;
  • Wojciech Zaremba. Zaremba ha precedentemente lavorato sull’intelligenza artificiale presso Google e poi ha co-fondato OpenAI, apportando la sua esperienza, in particolare nell’apprendimento automatico;
  • Sam Altman. Ex presidente dell’acceleratore di startup Y Combinator, Altman è entrato a far parte di OpenAI nelle sue fasi iniziali e ne è attualmente il CEO.

Quando è stata fondata OpenAI?

Il viaggio rivoluzionario di OpenAI è iniziato l’11 dicembre 2015. L’azienda è stata fondata non solo come una tipica startup, ma piuttosto come contromisura contro la possibile monopolizzazione dell’intelligenza artificiale da parte dei giganti della tecnologia. L’obiettivo era chiaro e ambizioso: sviluppare un’“intelligenza artificiale generale” a beneficio dell’umanità.

Chi possiede OpenAI oggi?

Se scavi nella storia di OpenAI, i suoi albori videro un massiccio supporto da parte dei magnati del settore, inclusi i notevoli contributi di Elon Musk e Peter Thiel. Il loro obiettivo comune era garantire che l’enorme potenziale dell’intelligenza artificiale non finisse concentrato in una mano.

Ilya Sutskever and Greg Brockman
Ilya Sutskever and Greg Brockman. Immagine: wired.com

Con l’evolversi della situazione, le ambizioni di Musk in materia di intelligenza artificiale sono passate in secondo piano, spingendo il visionario a prendere la decisione strategica di dimettersi dal consiglio di amministrazione nel 2018, evitando qualsiasi potenziale conflitto con le sue numerose attività, come Tesla e SpaceX.

Le crescenti ambizioni e esigenze finanziarie di OpenAI hanno portato alla sua metamorfosi da organizzazione senza scopo di lucro a organizzazione a scopo di lucro con “profitti limitati” nel 2019.

Questa significativa transizione è stata rafforzata da un enorme investimento di 1 miliardo di dollari da parte di Microsoft, che si è anche assicurata alcuni diritti di licenza e di utilizzo della tecnologia innovativa di OpenAI.

Elon Musk: biografia di un uomo che cerca di colonizzare Marte
Elon Musk: biografia di un uomo che cerca di colonizzare Marte

Oggi, la torta della proprietà è divisa tra Microsoft (49%), altri stakeholder (49%) e l’originale OpenAI Foundation senza scopo di lucro, che mantiene fermamente la propria autonomia mentre l’azienda leader continua a scrivere la storia di OpenAI.

OpenAI Inc. agisce come un ombrello generale senza scopo di lucro, mentre gli obiettivi commerciali sono gestiti da OpenAI LP, il suo braccio commerciale.

OpenAI è un’azienda pubblica?

Nonostante la sua enorme presenza nell’arena dell’intelligenza artificiale, OpenAI non è una società quotata in borsa. In quanto organizzazione privata, rimane immune dalle rigide normative e dalle pressioni trimestrali che spesso le aziende pubbliche devono affrontare. Tuttavia, esiste una significativa domanda di mercato per le azioni OpenAI, quindi una mossa del genere non può essere esclusa in futuro.

Conclusioni

L’innovativo modello di profitto limitato di OpenAI offre un’interessante combinazione di ricerca mirata e pragmatismo commerciale. La sua storia dimostra che la struttura fornisce un flusso costante di fondi, promuovendo la ricerca all’avanguardia, mentre i suoi principi fondanti rimangono intatti.

Mentre il campo dell’intelligenza artificiale continua a fare rapidi progressi, la proprietà flessibile e il modello operativo di OpenAI gli consentono di adattarsi e ruotare senza problemi, pur rimanendo impegnato a democratizzare i numerosi vantaggi dell’intelligenza artificiale.