Inflazione: cause e conseguenze

Aggiornata:
10 minuti di lettura
Inflazione: cause e conseguenze
Immagine: Immagine: Agg | Dreamstime
Condividere

Per la prima volta il concetto di inflazione si ritrova nella letteratura economica americana ed europea degli anni ’60 del XIX secolo.

Inizialmente, questo termine indicava il processo di aumento dell’offerta di moneta, accompagnato da un aumento dei prezzi delle materie prime e dall’emergere di una sproporzione tra domanda e offerta, ma questa definizione era troppo generica e non esprimeva le specificità socio-economiche di questo complesso fenomeno . Lo studio dei vari aspetti dell’inflazione, durato più di 150 anni, ha permesso di integrare dati disparati in una teoria coerente.

Cause e tipi di inflazione

L’analisi dei meccanismi di aumento dei prezzi, nonché l’emergere di una sproporzione tra beni e massa monetaria, a favore di quest’ultima, permette di identificare i seguenti fattori di inflazione:

  • un forte aumento della quantità di denaro per coprire i costi dello stato durante guerre, crisi economiche e altri cataclismi;
  • uso massiccio di valuta non garantita per l’attuazione di programmi di credito;
  • mancanza di meccanismi di regolamentazione dei prezzi per i prodotti monopolistici, soprattutto nelle industrie primarie;
  • l’influenza dei sindacati, le cui attività bloccano i meccanismi di regolazione naturale dei salari dei lavoratori;
  • diminuzione del PIL dello stato mantenendo il volume dell’offerta di moneta;
  • aumentare tasse e imposte mantenendo la stessa quantità di moneta.
Banche: come funzionano e come guadagnano?
Banche: come funzionano e come guadagnano?
9 minuti di lettura

Esistono diversi approcci alla classificazione di questo fenomeno (secondo il tasso di accadimento, i motivi, la natura della manifestazione), ma considereremo solo i tipi più comuni di inflazione:

  • domanda: l’offerta non tiene il passo con la domanda, con conseguente carenza di beni che porta a un deprezzamento della valuta;
  • offerta: un aumento del costo di produzione di un’unità di merce porta a una diminuzione dei volumi di produzione pur mantenendo la domanda;
  • bilanciato – il costo delle merci aumenta, pur mantenendo le stesse proporzioni tra loro;
  • sbilanciato – quando i prezzi salgono, le proporzioni del loro valore vengono violate;
  • previsione – previsto aumento dei prezzi;
  • imprevedibile: la crescita dei prezzi inizia all’improvviso;
  • La stagflazione è una situazione in cui un calo della produzione coincide con un aumento dei prezzi;
  • aspettative dei clienti adattate – modifica delle strategie dei consumatori a favore della crescente popolarità dei singoli beni e servizi;
  • L’agflazione è un aumento dei prezzi dei prodotti agricoli.

Inflazione e aumento dei prezzi

A seconda del tasso di crescita dei prezzi, gli economisti distinguono i seguenti livelli di inflazione:

  1. Scansione.
  2. Al galoppo
  3. Iperinflazione.

L’inflazione strisciante è accompagnata da un moderato aumento dei prezzi. L’aumento massimo dei prezzi in tali condizioni non supera il livello del 10%. Per l’economia, l’inflazione strisciante è più accettabile a causa del fatto che in tali condizioni vi è un adeguamento naturale dei prezzi di beni e servizi. Inoltre, questo tasso di inflazione è correggibile e consente di effettuare previsioni a lungo termine.

Inflation
Immagine: Sergej Solomatin | Dreamstime

L’inflazione galoppante è meno prevedibile ed è accompagnata da aumenti dei prezzi dal 10 al 200% su base annua. L’aumento del costo delle merci avviene a passi da gigante. Segnali evidenti della transizione dell’inflazione a questo livello sono la presenza di clausole aggiuntive nei contratti che tengono conto delle fluttuazioni dei prezzi, nonché un aumento delle vendite di beni materiali.

L’iperinflazione è molto meno comune ed è accompagnata da un aumento dei prezzi superiore al 500% su base annua. In questo caso, solo misure tempestive adottate dallo stato possono salvare l’economia. L’iperinflazione è caratterizzata da un completo squilibrio dell’economia del Paese, che, se il regolatore non interviene, può portare al fallimento dello Stato. Il record assoluto di iperinflazione appartiene all’Ungheria del dopoguerra, dove i prezzi sono aumentati di 200 volte al mese.

Rapporto tra inflazione e disoccupazione

Esiste una relazione inversa tra inflazione e disoccupazione. L’aumento del numero di posti di lavoro è accompagnato da un aumento del reddito della popolazione e da un aumento della domanda di determinati beni e servizi. A sua volta, ciò porta a una diminuzione della quantità di risorse inutilizzate e all’inflazione della domanda.

Un aumento dei volumi di produzione in tali condizioni diventa possibile solo a causa di una diminuzione dei redditi di altre industrie. Il paradosso della situazione sta nel fatto che è possibile ridurre l’aumento dei prezzi solo aumentando la disoccupazione e limitando il potere d’acquisto della popolazione.

Come risparmiare: consigli per tutte le occasioni
Come risparmiare: consigli per tutte le occasioni
9 minuti di lettura

Se l’economia parte da un punto di equilibrio approssimativo tra il potere d’acquisto della popolazione e la quantità di risorse coinvolte, allora nel breve termine si avrà una naturale espansione della produzione.

Le aziende realizzeranno un profitto, ma allo stesso tempo ci sarà un aumento dei prezzi. Anche le aspettative inflazionistiche stimolano gli aumenti salariali. Dopo qualche tempo, la produzione inizierà a diminuire e tornerà al livello precedente, ma i prezzi rimarranno allo stesso livello.

Quale impatto ha l’inflazione sul reddito

L’aumento dei prezzi ha un impatto negativo sul potere d’acquisto dei consumatori. Allo stesso tempo, la quantità di denaro può crescere, ma la sproporzione tra reddito nominale e reale continua a crescere.

Il reddito nominale è la quantità di denaro per un determinato periodo.

Il reddito reale è la quantità di beni e servizi che possono essere acquistati per un determinato importo.

Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale
Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale
9 minuti di lettura

L’inflazione ha un impatto aggiuntivo sul reddito delle imprese. Le transazioni finanziarie sono spesso prolungate nel tempo, quindi il profitto nominale ricevuto in un periodo di tempo può perdere rapidamente il suo valore reale. In questo caso, la strategia ottimale per l’organizzazione è quella di ridurre il lasso di tempo tra la spedizione della merce e la ricezione del pagamento.

L’impatto dell’inflazione sui prezzi

Esistono diversi approcci alla determinazione del prezzo:

  • metodo di contabilizzazione dei costi;
  • tenendo conto della concorrenza nel mercato;
  • orientamento al cliente.

In ciascuno dei casi di cui sopra, l’inflazione ha un effetto diverso sul costo delle merci. Con un orientamento ai costi, i produttori devono aumentare i prezzi in proporzione all’inflazione per mantenere la redditività della produzione.

Inflation
Immagine: Sergej Solomatin | Dreamstime

Se il costo delle merci è determinato sulla base dei prezzi fissati dai concorrenti, durante l’inflazione è piuttosto difficile prevederne la crescita. I produttori terranno conto dei redditi reali della popolazione e del livello di calo del potere d’acquisto. L’orientamento al consumatore consente di formare liberamente i prezzi dei beni, concentrandosi sul reddito dei potenziali clienti.

L’impatto dell’inflazione sull’economia del Paese

L’impatto dell’inflazione sul mercato e sull’economia del Paese nel suo complesso dipende principalmente dalla sua tipologia e intensità. L’inflazione al livello del 2% annuo indica l’instaurazione della stabilità dei prezzi.

L’inflazione acquista un impatto significativo sull’economia dopo aver superato il livello del 2%. L’inflazione strisciante (dal 2 al 10%) è controllabile e può essere utile per attivare i meccanismi di regolazione naturale della domanda e dell’offerta. Inoltre, in condizioni di inflazione strisciante, l’economia del Paese è prevedibile.

Investimenti: continua a moltiplicarsi
Investimenti: continua a moltiplicarsi
23 minuti di lettura

L’inflazione galoppante porta a un disorientamento del mercato, una riduzione della produzione, un calo dei redditi delle famiglie e un aumento delle aspettative inflazionistiche. L’iperinflazione porta alla paralisi delle istituzioni sociali, al completo degrado dell’industria e spesso al collasso del sistema statale del paese.

Ridurre l’inflazione

L’inflazione dipende in gran parte dal comportamento dei partecipanti al mercato. Pertanto, la politica di riduzione dell’inflazione è principalmente volta ad abbassare le aspettative inflazionistiche della popolazione. La fiducia nella politica monetaria del governo è un fattore chiave per influenzare i partecipanti al mercato.

Inoltre, le seguenti misure per ridurre l’inflazione si sono rivelate efficaci:

  • stabilire il controllo sui flussi di cassa;
  • restrizioni all’acquisto di valuta;
  • vendita di attività in valuta estera all’interno del paese;
  • stimolare la crescita della disoccupazione nel Paese;
  • ridurre la spesa pubblica per progetti infrastrutturali e prestazioni sociali.
Voto articolo
0,0
0 valutazioni
Valuta questo articolo
Editorial team
Per favore scrivi la tua opinione su questo argomento:
avatar
  Notifiche sui commenti  
Notifica di
Contenuto Vota Commenti
Condividere