Crisi finanziaria del 2008: cause e conseguenze

11 minuti di lettura
Crisi finanziaria del 2008: cause e conseguenze
Immagine: scu.edu
Condividere

La crisi economica globale che i paesi sviluppati hanno dovuto affrontare nel 2008 è stata la più grande della storia dai tempi della Grande Depressione degli anni ’30 del XX secolo.

La maggior parte dei paesi del mondo sono entrati in questo stato di crisi quasi contemporaneamente. Dal momento in cui è iniziata la crisi al momento in cui è stato possibile superarne le conseguenze, in molti stati sono trascorsi fino a 5 anni. In diverse regioni gli echi della crisi sono stati notati prima del 2015.

Origini generali della crisi del 2008 e sue principali cause

Gli economisti concordano sul fatto che la crisi globale del 2008 ha le seguenti cause:

  • transizione naturale dell’economia mondiale da un ciclo di crescita a uno di recessione;
  • squilibrio nel commercio internazionale;
  • squilibrio nei flussi di capitale;
  • surriscaldamento dell’economia sullo sfondo della crescita incontrollata dei prestiti ipotecari alla popolazione.

Chi ha predetto la crisi del 2008

C’erano persone che avevano predetto la crisi del 2008. Tra questi: l’economista Gary Shilling, il gestore del fondo James Stack, il capo economista del FMI Raghuram Rajan. Il primo parlava di una “bolla dei mutui” negli Stati Uniti nel 2000, il secondo e il terzo mettevano in guardia contro una recessione 2 anni prima della crisi dei mutui negli Stati Uniti. La crisi mondiale del 2008 è stata prevista anche da John Mauldin, che è il capo del consiglio di amministrazione di Mauldin Economics.

Crisi negli Stati Uniti

Il presupposto per la Grande Recessione è stata la crisi dei mutui negli Stati Uniti scoppiata nel 2007. Le prime manifestazioni della recessione si sono manifestate negli Stati Uniti già nel 2006. Fu allora che il mercato immobiliare americano iniziò a registrare un notevole calo delle vendite di case. Nella primavera del 2007, la crisi dei mutui subprime ad alto rischio colpì gli Stati Uniti. I mutuatari di tali prestiti erano cittadini statunitensi a basso reddito che non avevano la migliore storia creditizia.

2008 financial crisis
Immagine: pbs.org

La crisi dei mutuatari ha colpito abbastanza rapidamente i mutuatari affidabili. Già nell’estate del 2007 la crisi americana cominciò ad avere una marcata natura finanziaria. A causa delle difficoltà incontrate dai mutuatari nel rifinanziare i prestiti e dell’aumento dei tassi di interesse su di essi, è scoppiata una crisi di liquidità bancaria. All’inizio dell’autunno 2008, le banche hanno smesso di concedere prestiti alla popolazione.

Il finanziere americano George Soros ha osservato che l’inizio della crisi del 2008 si è verificato effettivamente alla fine dell’estate del 2007. Ha sottolineato che è stato allora che le banche centrali hanno iniziato a cercare di preservare la propria liquidità.

Le misure a sostegno del sistema bancario statunitense non hanno avuto successo. All’inizio dell’autunno del 2008 si è verificato un collasso bancario. La grande banca d’investimento Lehmsn Brothers è fallita. La stessa sorte è toccata a società di mutui ipotecari come Fannie Mae e AIG. L’azienda Freddie Mac ha ripetuto il suo destino. In totale, oltre 45 istituti finanziari del paese sono falliti.

Cigno nero – conseguenze nere
Cigno nero – conseguenze nere
7 minuti di lettura
Ratmir Belov
Journalist-writer

La crisi dei mutui statunitensi del 2008 è stata una conseguenza del crollo dei prezzi del mercato azionario. Questo processo è diventato particolarmente pronunciato all’inizio di ottobre 2008. Il crollo del mercato azionario statunitense nel periodo dal 6 al 10 ottobre 2008 è stato considerato un record nei precedenti 20 anni di storia del paese. Le azioni delle società americane si sono svalutate del 50% o più. Il processo è continuato all’inizio del 2009.

Motivi

Il Congresso americano, nel rapporto della sua commissione appositamente creata, ha formulato le seguenti ragioni per cui si è verificata la crisi del 2008:

  • regolamentazione inadeguata del settore finanziario;
  • errori commessi nella governance aziendale;
  • enormi debiti delle famiglie americane;
  • distribuzione eccessiva di derivati ​​(un tipo di titoli), la cui affidabilità è discutibile e non sufficientemente studiata;
  • crescita del settore bancario “ombra”.

Conseguenze

La crisi americana del 2008, tenendo conto delle ragioni, ha avuto le seguenti conseguenze per gli Stati Uniti:

  • diminuzione dei volumi di produzione su tutto il territorio nazionale;
  • diminuzione del capitale delle società americane del 40%;
  • calo generale della domanda;
  • diminuzione dei prezzi delle varie materie prime;
  • un aumento senza precedenti del numero dei disoccupati in tutto il Paese;
  • diminuzione dei redditi dei cittadini statunitensi appartenenti alla classe media, suo ulteriore indebolimento;
  • aumento del divario di reddito tra cittadini americani ricchi e poveri;
  • forte calo dei prezzi del petrolio;
  • riduzione di una serie di progetti governativi per la costruzione e il miglioramento delle infrastrutture

La ridistribuzione della proprietà conseguenza della crisi del 2007-2008 negli Stati Uniti ha portato allo sfratto di massa dei mutuatari in bancarotta dalle case che avevano precedentemente acquistato. Questo processo è stato particolarmente pronunciato nel 2009 e nel 2010.

Oil prices in US dollars during the 2008 global crisis
Oil prices in US dollars during the 2008 global crisis
Nonostante la crisi, le azioni di alcune società hanno registrato una crescita sorprendente. Secondo Forbes, le azioni del fondo di investimento Paulson & Co, grazie alla loro crescita durante gli anni della crisi, hanno fruttato al suo creatore 3,7 miliardi di dollari.

L’evoluzione della crisi nel mondo

La storia della crisi attraversa le seguenti fasi:

  1. Febbraio 2008. L’inflazione globale sale a livelli record.
  2. Riduzione simultanea dei tassi di interesse da parte di quasi tutte le principali banche centrali del mondo nell’ottobre 2008.
  3. Approvazione di un piano anticrisi da parte degli allora partecipanti al G8 nell’ottobre 2008.
  4. Tenere un vertice anticrisi in seno al G20 nel novembre 2008.
  5. Taglio dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea e della Banca d’Inghilterra nel dicembre 2008.
  6. Eurostat ha riferito nel dicembre 2008 che l’economia europea era entrata in recessione con un PIL in calo dello 0,2%.
  7. Introduzione di misure di austerità da parte della Banca Centrale Europea nel dicembre 2008. Sviluppo della stretta creditizia nell’Eurozona.
  8. Nell’aprile 2009, il vertice del G20 ha approvato un piano per superare la crisi economica del 2008. Si stanno adottando misure per rafforzare le risorse del FMI.
  9. Crescono i movimenti di protesta in un contesto di instabilità economica nei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente.
  10. Diminuzione dei volumi del commercio globale alla fine del 2009 dell’11,89%.

La crisi finanziaria globale del 2008 è continuata nel 2010. Poi è iniziata la guerra valutaria. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, così come il Giappone e la Cina hanno cercato di ridurre i prezzi delle loro valute nazionali per facilitare le loro esportazioni.

Forbes ha condotto uno studio e ha scoperto quali azioni sono cresciute durante la crisi del 2008. Tra queste figurano le azioni della casa automobilistica tedesca Porsche. E tutto grazie al tempestivo acquisto di una quota del 30% in Volkswagen.

Evoluzione della crisi in Russia e negli Stati dell’ex Unione Sovietica

La crisi economica del 2008 in Russia ha avuto cause sia interne che esterne.

Motivi

La crisi finanziaria del 2008 in Russia è stata inoltre provocata da eventi di politica estera. La principale è stata la guerra dei cinque giorni nell’Ossezia del Sud, scoppiata all’inizio di agosto 2008. La conseguenza del conflitto fu un crescente deflusso di investimenti esteri dalla Russia.

2008 financial crisis
Immagine: thebalancemoney.com

Ma i motivi principali sono i seguenti:

  • forte dipendenza dell’economia del Paese dall’esportazione di risorse (petrolio, gas e metalli) all’estero, che attraverso una reazione a catena ha portato alla recessione degli USA e dell’Europa;
  • calo dei prezzi del petrolio, che ha ulteriormente colpito il settore finanziario;
  • bassa competitività di un certo numero di produttori russi rispetto alle aziende straniere;
  • presenza significativa di investimenti esteri nell’economia russa;
  • grandi debiti delle imprese russe verso investitori stranieri;
  • inflazione elevata.

Risultati della crisi

Si possono evidenziare i seguenti risultati della crisi del 2008 in Russia:

  • crollo del mercato azionario russo;
  • crisi del sistema bancario, che ha portato al fallimento di molte di esse o alla loro fusione tra loro;
  • ritiro attivo degli investimenti esteri dalla Russia;
  • aumento del costo dei prestiti;
  • indebolimento del flusso di investimenti dall’estero;
  • diminuzione del tasso di cambio del rublo;
  • peggioramento della redditività delle aziende russe;
  • problematicità nell’ottenimento di prestiti da banche estere;
  • indebolimento della crescita economica;
  • diminuzione dei prezzi delle esportazioni di petrolio;
  • fallimento di massa delle organizzazioni a causa delle trappole del debito;
  • rallentamento dell’edilizia residenziale in tutto il Paese;
  • accelerazione dell’inflazione.
Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale
Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale
9 minuti di lettura
Editorial team
Editorial team of Pakhotin.org

La crisi del 2008-2009 in Russia ha portato ad una diminuzione degli stipendi dei cittadini. I redditi della popolazione sono diminuiti in modo significativo (ora c’è anche un calo dei redditi delle famiglie e la minaccia di una crisi). Allo stesso tempo anche i consumi sono diminuiti. La principale conseguenza della crisi del 2008 nella Federazione Russa sono i licenziamenti, che sono diventati diffusi. Tutto ciò ha inoltre portato ad un aumento dello stress tra i cittadini. Se parliamo brevemente della crisi del 2008 in Russia, a seguito di essa, la qualità della vita della popolazione nel paese è notevolmente diminuita.

Fenomeni di crisi nelle economie di Bielorussia e Ucraina

A causa del fatto che il mercato azionario bielorusso è scarsamente integrato nel sistema finanziario internazionale, la crisi in questo paese si è manifestata un po’ più tardi che in altri paesi. I primi segnali di recessione sono apparsi con l’indebolimento della domanda di prodotti di esportazione bielorussi. Ciò è particolarmente vero per i prodotti petroliferi e i metalli ferrosi. Anche la Bielorussia ha sperimentato una carenza di investimenti esteri. Anche le sue riserve auree e valutarie erano limitate.

2008 financial crisis
Immagine: fortune.com

La crisi economica globale del 2008 è stata più pronunciata in Bielorussia nel 2011. Fu allora che il rublo bielorusso si svalutò notevolmente. Nella prima metà del 2011 la valuta nazionale si è svalutata del 75% rispetto alle valute estere. Per gran parte dell’anno i cittadini e le organizzazioni bielorusse non hanno potuto acquistare valuta. L’inflazione per l’anno ha raggiunto il 79,6%. Nel 2011 il rublo bielorusso si è deprezzato del 270% rispetto al dollaro.

La crisi globale del 2008 ha colpito maggiormente l’Ucraina. L’industria del paese ha sofferto. La produzione è diminuita del 19,8%. Le industrie metallurgiche, meccaniche e chimiche sono quelle che hanno sofferto di più. Il calo in tutti e tre i settori ha superato il 35%, mentre nella metallurgia il 45%. C’è stata una svalutazione della grivna. Durante la crisi del 2008, il tasso di cambio dal dollaro alla grivna ha raggiunto valori come: 1 dollaro = 8 grivna. Questo tasso è stato fissato alla data: 18 dicembre 2008; nell’estate del 2008 venivano date 4-5 grivna per dollaro (ora 1 dollaro equivale a circa 25 grivna).

I depositi della popolazione in grivnie divennero inutili. Le banche hanno aumentato i tassi di interesse di 1,5 volte. Ma già nel novembre 2008 i prestiti alla popolazione si sono effettivamente fermati. Nel 2009 il Pil ucraino è crollato del 14,8%. Questo è uno dei peggiori indicatori al mondo.

Fenomeni di crisi in altri paesi

Grecia

La crisi in Grecia nel 2008 è stata associata all’enorme deficit di bilancio del paese e alla presenza di debito per coprirlo. Già all’inizio del 2010 il debito estero dello Stato aveva raggiunto dimensioni catastrofiche. Il governo greco ha cercato di ridurre i costi di mantenimento del sistema statale. Nel paese iniziarono manifestazioni e rivolte. La Grecia ha ripetutamente ricevuto prestiti sia dall’Unione Europea che dal FMI per superare la crisi. A causa del sovraccarico del debito nel luglio 2015, il paese era in reale pericolo di default.

Cina

La crisi economica degli Stati Uniti nel 2008 ha colpito anche l’economia cinese. Dopo un 2007 positivo, l’economia cinese ha iniziato a stagnare. Innanzitutto, c’è stata una riduzione delle riserve auree e valutarie e già nel novembre 2008 è stato ufficialmente annunciato un tasso di disoccupazione critico nel paese. L’industria cinese è stata costretta a ridurre la domanda di materie prime. Di conseguenza, i prezzi dei prodotti metallurgici sono diminuiti in tutto il mondo. Il periodo peggiore per l’economia cinese è stato il primo trimestre del 2009. Quindi il PIL dello stato è aumentato solo del 6,1% e le esportazioni sono diminuite del 30,9%. Ma più avanti nel corso dell’anno si è trovata una via d’uscita dalla situazione di crisi.

Inflazione: cause e conseguenze
Inflazione: cause e conseguenze
10 minuti di lettura
Editorial team
Editorial team of Pakhotin.org

Giappone

La crisi economica del 2008 ha avuto forti ripercussioni sull’economia giapponese. Pertanto, l’indice Nikkei 225 è crollato del 9,62% nell’ottobre 2008. Allo stesso tempo, una grande organizzazione assicurativa giapponese, la Yamato Life Insurance Co., fallì. Ltd.

Islanda

La crisi islandese del 2008 è considerata il più grande disastro economico avvenuto in un singolo paese. La recessione si è manifestata con il fallimento di tre grandi banche statali, un forte deprezzamento della corona islandese rispetto al dollaro e una diminuzione della capitalizzazione della borsa islandese del 90% (secondo Wikipedia). Il paese fu praticamente dichiarato fallito. Il governo ha chiesto prestiti al FMI. Ma è stata l’Islanda a superare questa crisi più velocemente di chiunque altro in Europa. Già nel 2011 l’economia del Paese ha raggiunto i livelli pre-crisi.

Portogallo e Irlanda

La crisi europea del 2008 ha colpito duramente anche il Portogallo. Insieme alla Grecia, questo paese aveva grandi debiti nei confronti del FMI. Anche l’Irlanda ha dovuto affrontare gravi problemi economici nel 2008, che hanno costretto la leadership del paese a chiedere aiuto al FMI.

Conseguenze globali della crisi

Se parliamo brevemente delle cause e delle conseguenze della crisi del 2008, essa ha portato ad una diffusa riduzione della produzione. Nella maggior parte dei paesi, i settori più importanti hanno sofferto la recessione. Da molti anni i prezzi dei prodotti petroliferi sono in calo in tutto il mondo. La crisi di liquidità del 2008 ha portato al collasso delle più grandi banche del mondo, provocando un notevole calo del mercato ipotecario. I cittadini di molti paesi non sono stati in grado di pagare i debiti ipotecari e hanno perso la casa.
2008 financial crisis
Immagine: thebalancemoney.com

La recessione ha portato disoccupazione in tutto il mondo. I suoi indicatori in tutti i paesi sono aumentati significativamente nel periodo dal 2008 al 2010. Tuttavia, la tendenza continua fino ad oggi. La crisi del 2008, in termini semplici, ha portato a un deterioramento della vita delle persone della classe media in tutto il mondo. A causa della recessione, il divario di reddito tra ricchi e poveri è diventato enorme. Il problema della disuguaglianza dei redditi è diventato ancora più acuto di prima.

La recessione del 2008 nella letteratura e nel cinema

L’evento ha costituito la base di molte opere letterarie. L’economista statunitense Joseph Stiglitz ha analizzato la recessione del 2008 e il suo confronto con la Grande Depressione del 1929 nel libro Steep Dive.

I seguenti libri sono dedicati al tema della crisi del 2008:

  • “La dottrina dello shock” di N. Klein;
  • “Too Big to Fail” di E.R. Sorkin;
  • “Shifts and Shocks” di M. Wolfe;
  • “The Short Game” e “Boomerang” di M. Lewis;
  • La fine di Wall Street di R. Lowenstein;
  • “Il casinò del diavolo” di W. Ward.

È diventato famoso un articolo su Rolling Stone sulla crisi del 2008, scritto dal giornalista Matt Taby. Nell’articolo “The Great Takeover” l’autore esprime la sua visione del problema legato alla situazione critica della compagnia assicurativa AIG nel 2008.

Sono stati realizzati numerosi film sulla crisi del 2008 negli Stati Uniti sugli eventi economici del 2008-2009. Tra loro:

  • “Wall Street. Il denaro non dorme mai” 2010;
  • “Limite di rischio” 2011;
  • Assalto a Wall Street 2013;
  • “Gioco Corto” 2015.

Le cause della recessione sono descritte dettagliatamente nel film “The Insiders”. Il film del 2010 sulla crisi finanziaria del 2008 contiene interviste con figure finanziarie di spicco, nonché politici e banchieri.

Voto articolo
0,0
0 valutazioni
Valuta questo articolo
Editorial team
Per favore scrivi la tua opinione su questo argomento:
avatar
  Notifiche sui commenti  
Notifica di
Contenuto Vota Commenti
Condividere

Potrebbe piacerti anche

Inflazione: cause e conseguenze
10 minuti di lettura
Editorial team
Editorial team of Pakhotin.org
Cigno nero – conseguenze nere
7 minuti di lettura
Ratmir Belov
Journalist-writer
Guerra commerciale tra USA e Cina: cause, conseguenze, andamento del gioco
12 minuti di lettura
Nikolai Dunets
Member of the Union of Journalists of Russia. Winner of the "Golden Pen" contest