IPO – Initial Public Offering

7 minuti di lettura
IPO – Initial Public Offering
Immagine: Markusbeck | Dreamstime
Condividere

L’obiettivo di qualsiasi azienda è attrarre finanziamenti per lo sviluppo della propria attività. Ottenere un prestito da una banca o trovare un investitore bonario subito dopo l’apertura è quasi impossibile. In questi casi, la società deve emettere azioni che vengono offerte agli investitori. Colui che li acquisisce diventerà comproprietario della startup.

Se una startup si è rivelata richiesta e rilevante, prima o poi saranno necessari fondi per il suo ulteriore sviluppo. Come opzione, è adatta la considerazione di fondi presi in prestito o l’emissione di obbligazioni, cambiali.

Tuttavia, la soluzione più ottimale sarebbe quella di emettere azioni in borsa. Quindi puoi ottenere rapidamente grandi investimenti.

Un’offerta pubblica iniziale (IPO) di azioni si verifica quando un’azienda precedentemente non quotata vende titoli nuovi o esistenti e li offre al pubblico per la prima volta. Un’IPO apre nuove opportunità per le organizzazioni di raccogliere capitali.

Questa può essere una buona mossa per gli investitori privati ​​per realizzare un profitto sui loro investimenti. Le offerte pubbliche iniziali di solito includono premi di emissione per gli attuali investitori privati. Allo stesso tempo consentendo agli investitori pubblici di partecipare all’offerta. Oltre a un’IPO, una società può anche quotarsi in borsa attraverso una quotazione diretta, in cui non vende nuovi titoli o raccoglie capitali.

IPO
Immagine: Cpenler | Dreamstime

Le aziende diventano pubbliche attraverso il processo di IPO per uno o più dei seguenti motivi:

  • Raccolta di capitale: questo capitale può essere utilizzato per finanziare, acquisire o estinguere il debito esistente.
  • Per aumentare in modo significativo il tuo status e trovare nuovi investitori, partner e clienti, una buona soluzione per aziende non molto popolari.
  • Per ottenere la valuta di acquisto, il valore delle azioni di molte società private non è facile da determinare, quindi è molto più facile utilizzare le azioni.
  • Per fornire un’uscita agli investitori esistenti.
  • Per premiare e coinvolgere i dipendenti.
  • Per diventare pubblica, un’azienda deve avere una ricca storia e relazioni pubblicate negli ultimi 2-3 anni. Ad esempio, per quanto riguarda la Borsa di New York, il valore della società dovrebbe essere superiore a $ 50 milioni.

Fase preliminare

Questa è la fase più lunga, che richiede da 3 mesi a 3 anni. Obiettivi principali:

  • commercializzazione dell’azienda;
  • emissione e vendita di titoli.

Durante questo periodo, l’azienda dovrà valutare i suoi principali indicatori, ovvero il patrimonio e la corporate governance. Solo così sarà possibile conoscere con precisione il prezzo e il numero di azioni da emettere e, ovviamente, stabilire la futura capitalizzazione della società.

Borsa: principi di base del lavoro
Borsa: principi di base del lavoro
9 minuti di lettura

È inoltre necessario valutare il livello di informazioni e l’accessibilità finanziaria. Ciò avrà un impatto positivo sull’aumento della fiducia degli investitori nell’azienda e sul miglioramento della sua reputazione. In conformità con i requisiti del trading in borsa, tutti gli emittenti devono presentare pubblicamente i rendiconti finanziari ogni trimestre.

Non appena l’analisi sarà completata, l’impresa potrà valutare se sarà redditizio portare i titoli all’asta pubblica. Il consiglio di amministrazione darà un parere se vale la pena andare a un’IPO. In caso di risposta positiva, l’azienda dovrà sottoscrivere un accordo con il sottoscrittore. Dopodiché, inizierà la preparazione.

Fase preparatoria

Il sottoscrittore sta preparando il processo per portare le azioni in borsa.

Underwriting è il processo mediante il quale un istituto di investimento bancario funge da intermediario per aiutare la società emittente a vendere la sua partecipazione iniziale.
IPO
Immagine: Cpenler | Dreamstime

Queste banche di investimento collaborano con la società emittente dall’inizio del processo di emissione fino alla fine, quando avviene la quotazione. Vari meccanismi di sottoscrizione sono disponibili per l’organizzazione emittente. Deve essere selezionata anche la borsa valori per il collocamento di azioni e intermediari.

Investire in azioni per principianti
Investire in azioni per principianti
9 minuti di lettura

Il sottoscrittore deve valutare i fattori di rischio noti e impostare i parametri IPO per determinare il prezzo minimo per garantire la copertura. Determina anche il momento ottimale per l’emissione di titoli in borsa.

I sottoscrittori di IPO hanno molti ruoli, ma il ruolo più importante è condurre l’intero processo di offerta pubblica iniziale (IPO). Nel processo di IPO, può esserci un sottoscrittore o un gruppo di sottoscrittori.

Il sottoscrittore sta anche preparando un memorandum di investimento. È richiesto dall’ente governativo di regolamentazione. La Banca di Russia nella Federazione Russa esercita il controllo in quest’area. Negli Stati Uniti, questo è gestito dalla SEC.

Il memorandum di investimento contiene informazioni sulla società: amministratori e azionisti, relazioni, politica dei dividendi. L’azienda dovrà anche preparare spiegazioni per la necessità di raccogliere fondi. Se sono state fornite tutte le informazioni necessarie richieste dall’organismo speciale, la data dell’IPO sarà presto determinata.

Trading: tipologie e strategie
Trading: tipologie e strategie
16 minuti di lettura

Viene lanciata una campagna pubblicitaria per attirare l’attenzione degli investitori. Quando si recano in centri finanziari esteri, i rappresentanti dell’azienda negoziano con potenziali investitori e broker. I viaggi principali si svolgono nelle capitali dei grandi stati. Nel processo, il gestore presenta agli investitori tutti i rapporti e i dati necessari. L’intero processo del Road Show richiede in media alcune settimane.

Fase principale

Al Road Show vengono raccolte le offerte preliminari per i titoli dell’emittente. I grandi investitori hanno l’opportunità di acquistarli prima che vengano collocati.

Analizzando le domande pervenute, il sottoscrittore scopre in quali quantità gli investitori sono pronti ad acquistare azioni e per quale importo. A proposito, il sottoscrittore ha il diritto di prelazione per l’acquisto di azioni prima dell’IPO con la loro rivendita in futuro dopo la pubblicazione.

Fase finale

L’ultima fase o quotazione indica l’inizio della circolazione dei titoli in borsa. Una volta pubblicati, vengono quotati in borsa e le persone possono acquistarli e venderli. Fare offerte e chiarire l’efficacia dell’IPO. Un aumento di capitale e la formazione di una reputazione stabile è possibile solo se il valore delle azioni soddisfa le condizioni di mercato.

IPO
Immagine: Elnur | Dreamstime

Inoltre, se i titoli di una società privata sono attivamente negoziati sui mercati secondari, allora è anche un ottimo candidato per una quotazione diretta perché il prezzo delle sue azioni è più facile da determinare. Con una quotazione diretta, una società privata diventa pubblica senza sottoscrittori e senza la vendita di nuovi titoli; offre semplicemente azioni esistenti detenute da investitori e dipendenti e inizia a negoziare in borsa.

Se acquistare azioni alla prima IPO

Questo è un acquisto molto rischioso. Gli investitori privati ​​non hanno alcun dato sull’azienda. Non conoscono i suoi principali indicatori e pubblico. Questi dati saranno disponibili dopo la pubblicazione. Pertanto, un tale acquisto può essere paragonato a una lotteria.

L’ETF è uno strumento di investimento interessante
L’ETF è uno strumento di investimento interessante
19 minuti di lettura

Inoltre, in tal caso, i titoli sono instabili. Ecco perché è consigliabile acquistarle solo dopo il collocamento, ovvero non appena il valore delle azioni diventa costante.

Come spiega Vladimir Vereshchak, consulente finanziario, fondatore della società di consulenza Bogatstvo, l’acquisto di azioni nella fase della loro offerta iniziale è un’impresa rischiosa.

È importante capire che quando si acquista un’azione, si acquista un’attività. E la maggior parte delle aziende in questa fase del loro sviluppo non ha una storia finanziaria pubblicamente disponibile per un periodo di tempo sufficientemente lungo. È estremamente difficile valutare l’attività e prevedere l’ulteriore corso degli eventi. Anche se analisti e manager che lavorano per società di brokeraggio che ti offrono questo tipo di investimento, ovviamente, ti assicureranno il contrario. Il piano di vendita deve essere rispettato.

Se vuoi comunque partecipare a un’IPO, dai un’occhiata più da vicino agli strumenti di investimento collettivo. Ad esempio, i fondi negoziati in borsa (ETF). È sia più economico che più affidabile.

Ci sono circa 8 di questi fondi nel mondo. Il più grande di questi è First Trust US Equity Opportunities ETF (NYSEARCA: FPX). Il fondo acquista contemporaneamente le azioni più liquide dei 100 maggiori emittenti il ​​6° giorno dopo la loro offerta iniziale e le vende il 1000°.

Investimenti: continua a moltiplicarsi
Investimenti: continua a moltiplicarsi
23 minuti di lettura

Un’ampia diversificazione riduce notevolmente i rischi. E la commissione di gestione insieme allo spread non supera lo 0,7% annuo. In media negli ultimi 10 anni, il fondo ha restituito agli investitori il 16,5% annuo in dollari USA al netto di commissioni, tasse e inflazione. Ma ricorda che i guadagni passati non sono garanzia di guadagni futuri. Non dimenticare la pianificazione finanziaria completa e altre classi di attività nel portafoglio.

Voto articolo
0,0
0 valutazioni
Valuta questo articolo
Ratmir Belov
Per favore scrivi la tua opinione su questo argomento:
avatar
  Notifiche sui commenti  
Notifica di
Ratmir Belov
Leggi gli altri miei articoli:
Contenuto Vota Commenti
Condividere