Cos’è un assistente virtuale: quali sono le sue funzioni principali e in quali ambiti viene utilizzato?

5 minuti di lettura
5.0
(1)
Cos’è un assistente virtuale: quali sono le sue funzioni principali e in quali ambiti viene utilizzato?
Immagine: entrepreneur.com
Condividere
Gli assistenti virtuali intelligenti (IVA) o assistenti digitali virtuali (VPA), come Siri o Alexa, che probabilmente conosci, sono un programma o servizio che ha funzionalità vicine alle funzioni umane.

Una persona interagisce con tali programmi utilizzando i comandi vocali. Gli assistenti digitali offrono all’utente la possibilità di condurre una conversazione, simile alla comunicazione con un’altra persona.

In poche parole, un assistente virtuale è progettato per svolgere compiti specifici, come organizzare l’orario di lavoro, gestire una casa intelligente o automatizzare semplici processi aziendali.

Diamo un’occhiata a come puoi utilizzare un assistente virtuale basato sull’AI per ottimizzare il tuo tempo di lavoro e automatizzare i processi aziendali, e discutiamo anche come questa tecnologia può avvantaggiare i clienti della tua azienda, indipendentemente dal settore.

Possibilità di assistenti virtuali

Gli assistenti virtuali in genere eseguono attività semplici per gli utenti finali, come:

  • Aggiunta di attività al calendario
  • Fornire informazioni, simile a un browser web
  • Controlla e verifica lo stato dei dispositivi domestici intelligenti, tra cui luci, fotocamere e termostati
  • Fare telefonate
  • Pianificazione di riunioni, eventi
  • Crea messaggi di testo ed e-mail e inviali automaticamente
  • Cerca hotel e ristoranti
  • Controllare la prenotazione del volo
  • Streaming di podcast
  • Imposta promemoria
  • Gestione del flusso di lavoro, promemoria
  • Chiama un taxi
  • Riproduci musica su richiesta
  • Ordina prodotti su richiesta
  • Risposte alle domande
  • Può essere utilizzato come operatore di chat e supporto vocale

Assistente digitale e chatbot: qual è la differenza?

Sia i chatbot che gli assistenti virtuali possono utilizzare la tecnologia dell’intelligenza artificiale (AI), ma i loro principi operativi e le loro funzionalità di base differiscono.

Virtual Assistant
Immagine: ingestai.io

I chatbot funzionano principalmente in base a determinati script. Utilizzano set di dati e algoritmi predefiniti per riconoscere le query in arrivo degli utenti e fornire risposte appropriate.

Ciò significa che un chatbot può essere limitato nella sua capacità di comprendere il contesto e portare avanti una conversazione, limitandosi solo a ciò per cui è stato precedentemente addestrato a fare.

Chatbot: presente e futuro dell’intelligenza artificiale
Chatbot: presente e futuro dell’intelligenza artificiale
10 minuti di lettura
Editorial team
Editorial team of Pakhotin.org

Gli assistenti virtuali, d’altro canto, si basano tipicamente su tecnologie di intelligenza artificiale più sofisticate come l’apprendimento automatico e l’elaborazione del linguaggio naturale.

Sono in grado di adattarsi al comportamento e alle richieste dell’utente, estrarre informazioni significative da una conversazione e intraprendere azioni appropriate in base al contesto e all’esperienza precedente, andare online per cercare la risposta a una domanda ed eseguire semplici comandi come prenotare un biglietto aereo o ordinare un taxi.

Gli assistenti virtuali hanno una gamma più ampia di funzionalità che possono essere molto utili nella vita quotidiana, negli affari e nel servizio clienti.

Gli assistenti virtuali possono quindi essere considerati versioni più avanzate dei chatbot, che utilizzano algoritmi più complessi per fornire un’esperienza utente più efficiente e personalizzata.

Applicazione nel mondo degli affari

Diamo un’occhiata ad alcuni esempi di come questa tecnologia può essere utilizzata in un’azienda:

Servizio clienti

L’assistente digitale può fornire supporto online 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tramite chat o interfacce vocali. Viene spesso utilizzato per rispondere alle domande più frequenti degli utenti, risolvere problemi e indirizzare i clienti alle risorse giuste.

Reti neurali per il business: come l’intelligenza artificiale può automatizzare il lavoro di un’impresa e aumentare i KPI dei dipendenti
Reti neurali per il business: come l’intelligenza artificiale può automatizzare il lavoro di un’impresa e aumentare i KPI dei dipendenti
7 minuti di lettura
5.0
(2)
Roman Mikhailov
Expert in the implementation of AI technologies

Immagina che i visitatori del tuo sito web possano comunicare con un robot indistinguibile da un essere umano. Le informazioni fornite dagli assistenti digitali basati sull’intelligenza artificiale provengono da molte fonti diverse per fornire le risposte più complete alle domande.

Ad esempio, le banche utilizzano assistenti virtuali per elaborare le richieste di saldo dei conti o trasferimenti di denaro.

Automazione dei processi di accettazione e prenotazione degli ordini

Gli assistenti virtuali possono essere integrati in siti web, messaggistica istantanea o applicazioni per prendere ordini e prenotazioni.

Virtual Assistant
Immagine: wired.com

Ad esempio, i ristoranti possono utilizzare assistenti virtuali per prendere ordini di consegna di cibo o effettuare prenotazioni di tavoli.

Gestione di attività e pianificazione

Un assistente digitale può essere utilizzato per gestire in modo più efficace le attività personali e aiutare i dipendenti a gestire il proprio tempo di lavoro, ad esempio impostando promemoria per eventi, riunioni o attività importanti.

Possono anche adattare automaticamente la pianificazione in base ai cambiamenti o alle preferenze dell’utente.

Automazione dei processi di approvvigionamento e contabilità delle scorte

Un assistente virtuale può automatizzare il processo di gestione dell’inventario, previsione della necessità di merci ed emissione di ordini ai fornitori.

Problemi e aspetti etici dell’utilizzo delle reti neurali nella società
Problemi e aspetti etici dell’utilizzo delle reti neurali nella società
4 minuti di lettura
Ratmir Belov
Journalist-writer

I rivenditori possono utilizzare assistenti virtuali per gestire l’inventario di magazzino e semplificare i processi di acquisto, riducendo i costi e prevenendo perdite dovute a stockout.

Marketing e vendite personalizzate

L’integrazione di un chatbot intelligente in un’interfaccia web o in un’app può aiutare a fornire consigli e offerte personalizzati ai clienti in base alle loro preferenze, cronologia degli acquisti e comportamento.

Ad esempio, i negozi online possono utilizzare un assistente per consigliare prodotti che potrebbero interessare a un acquirente specifico, il che aiuta ad aumentare la conversione e il controllo medio.

Conclusioni

Gli assistenti virtuali stanno diventando una parte sempre più integrante del mondo moderno, aiutando clienti, manager e dipendenti delle imprese ad affrontare compiti simili.

L’introduzione di assistenti virtuali nei processi aziendali può migliorare significativamente il servizio clienti, ottimizzare i processi operativi e aumentare la competitività dell’azienda sul mercato.

Il continuo sviluppo delle tecnologie di intelligenza artificiale e machine learning promette opportunità ancora maggiori per i programmi di assistenza digitale, consentendo loro di diventare strumenti ancora più efficaci nel supportare le aziende e soddisfare le esigenze degli utenti.
Voto articolo
5,0
1 valutazioni
Valuta questo articolo
Roman Mikhailov
In quale altro luogo pensi che questa tecnologia potrebbe essere utile?
avatar
  Notifiche sui commenti  
Notifica di
Roman Mikhailov
Leggi gli altri miei articoli:
Contenuto Vota Commenti
Condividere

Potrebbe piacerti anche

Piogge acide: quali sono le cause e dove cade
10 minuti di lettura
Nikolai Dunets
Member of the Union of Journalists of Russia. Winner of the "Golden Pen" contest
Le 11 principali cause del riscaldamento globale
5 minuti di lettura
Ratmir Belov
Journalist-writer
Google Bard: assistente AI avanzato
8 minuti di lettura
Ratmir Belov
Journalist-writer